Tag

, , , , , , , ,

Oh, dunque: per la felicità di tutti alla fiera dell’agricoltura hi-tech di Tel Aviv spopolano frutta e verdura a misura di consumatore.
Giubilo!
Il limone che ha la polpa di una prugna, l’anguria per single, il pomodoro nero, il sedano simile ad una zucchina, il peperone stellato! E tante, tante, tantissime altre “stupendositezze”!
Occheggioia!
E leggeste come tirano queste novità!
Grandi chef s’accalcano per le primizie, mercati in fermento e sopra ogni cosa (cito testualmente): “Lo scopo di queste nuove varietà di frutta e ortaggi, ottenute manipolando il gene delle piante, con il loro aspetto insolito e più alto valore nutrizionale, è quello di permettere agli agricoltori di ottenere prodotti in grado di essere coltivati anche dove la natura sembra più ostile, che possono crescere anche in climi secchi senza un grande dispendio del bene più prezioso in Medio Oriente: l’acqua.”
Maccheffigata!
Macchebbellezza!
Macchissenefrega dell’IMU, dell’IVA, del PIL, dello Spread, della crisi e del governo assente.
Ora ho il limon-prugna!
E quando mi arriverà da pagare ANCHE la Tares, so già dove inserirmelo e bullarmi con gli amici!

Vera Q.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: L’Altro

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: Io sono morto

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: 2017 A.D.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: La scatola di cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà)

Annunci