Tag

, , , , , , ,

La suocera è la vostra più acerrima nemica.
Questo è il postulato principe da tenere sempre a mente.
Ella vi ama nella misura in cui il suo piccino vi ama.
Siete una parente acquisita d’altronde, ed adottata suo malgrado.
Vi siete presentate un bel giorno alla sua porta con il vostro miglior sorriso soffiandole il ruolo di primadonna. Il suo bambino ha scelto voi mettendola da parte.
Ora: questo bignamino famigliare ha valenza continua anche laddove il rapporto nuora/avversaria è idilliaco.
Regole fondamentali:
1) Mai, e dico mai, lasciarsi abbindolare da frasi quali “ti considero come una figlia”, sono soltanto parole. Tuttavia proprio perché, a vostra volta avete avuto una madre, sapete bene che certe confidenze non vanno fatte. Vostra suocera non vuole conoscere i difetti del suo pargolo, credetemi. Vostra suocera sogna un figlio felice e puffose camerette zeppe di nipotini: siete state assunte per assolvere questo compito, questo è quanto.
2) Non assegnate al vostro compagno il ruolo di portavoce. Se avete qualcosa da dirle armatevi di faccia buona e vuotate il sacco. Vi odia a prescindere non scordatelo, e non c’è nulla che possiate fare per migliorare questo astio tribale per cui, con le dovute cautele, ponete i paletti che ritenete necessari.
Certo, s’offenderà. Certo, terrà il muso. Ma voi smetterete di assumere quintali di antiacido.
3) Tenere la guardia alzata non significa non apprezzare la pace. Imparate la sacra arte del Lasciar Correre. Lo so, quella frase detta a mezza bocca sul vostro vestito, sul raffredore perenne del nipote o sulla casa non propriamente linda, aveva una lontana eco di scherno.
Togliete quel “lontana”, vi detesta, regola numero uno. Se avete l’impressione d’essere oggetto di appunti, ebbene è perché lo siete. Un esame continuo nel quale sarete rimandate incessantemente. Ragionate ad ampio raggio: una volta messa all’uscio, tornerà il sereno. Anzi, rallegratevi! Se avete un figlio maschio farete subire le stesse angherie ad una tapina qualsiasi, è fisiologico.
4) Se sei mia suocera e mi stai leggendo, sappi che sono stata rapita dagli alieni e che, tuttora, mi comandano a bacchetta. Altrimenti non avrei mai potuto scrivere tali corbellerie, cara!
– suda freddo –

Vera Q.

Per acquistare il libro di Vera Q. (ebook) su amazon: L’Altro

Per acquistare il libro di Vera Q. (ebook) su amazon: Io sono morto

Per acquistare il libro di Vera Q. (ebook) su amazon: 2017 A.D.

Per acquistare il libro di Vera Q. (ebook) su amazon: La scatola di cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà)

 

Annunci