Tag

, , , , , ,

La stagione della caccia ha aperto i battenti ed in modo prorompente.
Parlo della caccia al ciclista ed al corridore, due specie che proliferano in primavera e che, con la calura estiva, si estinguono.
Tralasciando la mia eterna convinzione che considera lo sport come il Male Assoluto, esclusa la ginnastica sotto le coperte, mi sono sempre chiesta perché la suddetta fauna cerchi la morte sull’asfalto.
Non esistono piste ciclabili, questo è implicito, tuttavia mi pare alquanto rischioso sfidare autobus e tir sulle stradine provinciali, senza contare che lo sforzo salutare d’allenare il fisico viene tramortito dai vari gas di scarico.
Del resto, se amassi la bicicletta, probabilmente mi assoggetterei al bitume, non avendo altro posto dove sgommare rivestita da una graziosa tutina attillata.
Ma la corsa, la corsa ha dei perché arcani.
Insomma, in zona ci sono verdi prati solcati da sentieri battuti: cercare d’essere speronati dagli automobilisti di passaggio sfiora la roulette russa.
Non posso capire, lo so. Sono la quintessenza della pigrizia.
L’ultima volta che ho mosso un muscolo, ero al liceo costretta a giocare a pallavolo, io che sono alta quanto il pallone.
Ho tentato la via della maratona campestre, questo per saltare le lezioni, ovviamente. Nove chilometri. Infiniti, inutili, sudati e sfiancanti.
Mi sono data ai tornei di calcio, ma dopo aver visto San Pietro sulla traversa della porta come Fantozzi, ho accettato quel che sono: l’antisport.
Non posseggo tute né scarpe da ginnastica e questo rivela tutta la mia “mozzarellità” interiore.
Però oggi, in questa lieta giornata di festa, ho finalmente capito che la vita è una continua prova di “Resistenza”.
E’ uno sgambettare incessante.
E’ sudore, sudore freddo.
Oggi, proprio oggi 25 aprile, leggo su un noto quotidiano nazionale la seguente notizia: Milano, città medaglia d’oro alla Resistenza, annovera tra i finanziatori del restauro del Duomo l’associazione culturale (!) Lealtà Azione. Cito testualmente: “Sigla dietro cui opera in Lombardia il circuito degli Hammerskin – “l’elite skinhead” – , il network internazionale neonazista nato a metà anni Ottanta negli Stati Uniti da una costola del Ku Klux Klan.”
Ed ancora: “il 22 marzo con un attestato la Veneranda certifica la collaborazione e “ringrazia l’associazione culturale Lealtà Azione per la donazione a favore dei restauri della Guglia di San Vittore del Duomo di Milano e per aver aderito alla campagna “Adotta una guglia”.
Ringraziamo, tutti.
Sudando come mai prima.
E’ un ossimoro.
Una contraddizione così marcata che stucca.
Magari verificare i gentili donatori a monte?
Io non “bicicletto” e non corro.
Il mio corpo procede per inerzia senza sollecitazioni muscolari volontarie.
Ed anche la lingua è immobile.
Ora più che mai.
Parole non ne ho più.
Però resisto.

Vera Q.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: Io sono morto

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: 2017 A.D.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: La scatola di cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà)

Annunci