Tag

, , , , , , ,

Caro Comune, sono Vera.
Già, quella che salva le rondini, sfama cani, gatti, colombi e ricci.
Proprio io, sì. Quella a cui manca qualche venerdì e va a zonzo con la sua improbabile borsa zombie.
Io, io, con le scarpe a forma di bara. Ammettiamolo, dai: alimento il folklore del paesino.
Ebbene, Carissimo, che le tue casse risuonino del rumore incomprensibile dello spazio siderale è sotto gli occhi dell’intera comunità. Tagli degni di Edward Mani di Forbice.
Non c’è un dannato euro, questa è l’unica certezza e, rilassati, non sono qui a fartene una colpa.
Il fatto è, Pregiatissimo, che oltre a non esserci più fondi, non c’è più neppure la mezza stagione. Siamo in clima monsonico, non ti sarà certo sfuggito.
Come non sarà passato inosservato al tuo staff di tecnici che le casupole, tutte, sono arroccate su di un crinale.
Cresta che sta franando da soli tre anni.
Disbosca qui, scava laggiù, sbanca a fondo valle, ben capirai che raspa, raspa… stiamo “slavinando” verso i campi.
E’ vero, c’è stato un intervento d’urgenza. Un tamponare una situazione di pericolo che, tuttavia, non è cessata.
Si “parte” giornalmente verso il basso. E partire è un po’ morire. Questa volta non avrò la possibilità di leggere sul giornale dell’ennesimo disastro. Questa volta, sotto la melma, ci sarò io.
Ora, non ho compreso se sanare questa problematica sia di tua spettanza o si tratti di un mandato divino regionale, statale o mondiale, tuttavia un lontanissimo senso d’inefficienza si sta facendo largo nei miei pensieri.
Ho notato però che, raschiando sul fondo del barile, un buon 20mila euro per installare due autovelox nella frazione limitrofa sono stati miracolosamenti portati alla luce.
Ah, una pensatona: punire chi supera il limite dei 50 km all’ora. Punire, non educare.
Sarebbe stato oltremodo lineare inserire sul manto stradale dei dossi dissuasori. Quelli sarebbero costati troppo poco e senza alcun ritorno in multe. Magari segnalare la presenza dei trabiccoli fiscali sarebbe stato un gesto gradito, civile e soprattutto a norma a legge. Decreto che puoi reperire online… e se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque.
Nell’arretrata e barbarica Inghilterra, quel postaccio primitivo dove non sanno farti un caffè degno di questo nome, ho constatato che restringono appositamente la carreggiata extraurbana: o rallenti o, dopo aver distrutto l’auto, baci con i denti il muretto.
Che selvaggi! Osano distrarti dalla guida sportiva proprio mentre stai inviando un sms. Ti obbligano ad essere vigile ed attento, questi screanzati.
Molto, molto meglio una foto ricordo che attesta il motore rombante, lascia il conducente libero di sfrecciare alla velocità che desidera, e riempie nuovamente la botte comunale.
Esimio, sono momentacci questi: si spremono limoni senza succo. Eppure spacciare al contribuente quegli aggeggi infernali come risolutivi al problema “sicurezza” rasenta il ridicolo.
Ma è un grattacapo marginale, concordo.
Sarà molto più pressante, a crollo avvenuto, rimestare nel fango.

Vera Q.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: Io sono morto

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: 2017 A.D.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: La scatola di cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà)

Annunci