Tag

, ,

Periodo grigio per l’Uomo Nero: lo charme da spauracchio è in declino.
Ormai neppure nelle fiabe per i piccoli riesce ad incutere quel suo proverbiale batticuore.
L’Uomo Nero, a detta di molti, ha i denti gialli ed il fiato che puzza di cipolla e kebab.
L’Uomo Nero emigra dalla sua florida terra fatta di ebola e regimi dittatoriali per stanziare qui nel nostro paese di pizza e mandolino con il solo intento di rubarci il lavoro.
Lavoro in nero per rispettare la nomea, ovviamente.
Ma l’Uomo Nero, ahimè, non ha fatto i conti con l’Uomo Bianco.
E non un bianco qualsiasi, ma di quel tipo slavato, palliduccio. Un tipico esempio di caucasico alla riscossa.
Ora, il vero Uomo Nero, è l’Uomo Bianco dell’Est.
Un beffardo malandrino che abbandona i lidi tranquilli dei Gulag per raggiungere Brindisi e godersi l’estate ostentando la sua vacanza a chi, come noi, lavora 365 giorni all’anno per ottenere un solo dannato mese di ferie.
Ultimamente l’Uomo Nero Bianco dell’Est, oltre a fregiarsi di tutti i crimini universali tra i quali anche l’aumento di anidride carbonica nell’atmosfera, si è dato al sesso di gruppo forzato.
Prima dell’avvento dell’Uomo Nero Bianco dell’Est la parola “stupro” non compariva neppure sull’Accademia della Crusca.
Rendiamo grazie all’Uomo Nero Bianco dell’Est per questo neologismo.
Si stava meglio quando si stava peggio, già.
Quando venivi “corcata” un giorno sì e l’altro anche da tuo marito, confinata agli arresti domiciliari e circondata da un velo ben peggiore del burqa: l’omertà.
Quando ad occuparsi dei tuoi buchi era lo zio od il cugino: tutto in famiglia, una grande famiglia dove ciascuno dei componenti proteggeva l’altro regalandosi, a Natale, un bel barattolone maxi di vaselina.
Adesso, diamine, l’istruzione civica di base ce la fornisce l’Uomo Nero Bianco dell’Est: colui che tutte le colpe ha.

Ricapitoliamo:
All’Uomo Nero Bianco dell’Est dobbiamo l’istruzione civica di base.
Agli Arabi dobbiamo la scrittura.
Agli Americani la patata.
Agli Asiatici la carta.

Fortuna che noi, noi non si resta indietro e si esporta mafia.

Vera Q.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: L’Altro

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: Io sono morto

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: 2017 A.D.

Per acquistare il mio libro (ebook) su amazon: La scatola di cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà)

Annunci