Su quel dannato fiume c’è tutto, tranne le emozioni.

E anche se la paura viene costantemente evocata da una frenetica danza della pioggia messa in atto dalle telecamere in stile moku, anche se la finzione degli effetti speciali si è lavata di dosso la patina glam che ci lascia sempre in bocca quel tanto è solo un film, anche se il mistero è l’ingrediente speciale impastoiato nei limacciosi fondali del rio delle amazzoni, quello che manca è la cosa piu’ importante di tutte, la domanda che lo spettatore dovrebbe farsi e invece non fa: cosa c’è alla fine del viaggio?

 

Annunci